Pifferaio magico

Stampa   |   Correggere

Attenzione!! vi racconterr la storia del pifferaio magico, sentiamo per ordine come andarono le cose C'era una citt` nella valle fatata dove ogni persona era addomesticata a vivere ogni giorno in modo CHE la propria condotta soddisfasse IL RE, in un cielo blu il sole scaldava i prati, pieni di fiori gialli e profumati, le case erano grandi e tutte colorate, calde d'inverno, e FRESCHE D'ESTATE Per ogni abitante non c'era diversit`, secondo i voleri DI SUA MAEST@, la corte decideva il modo di vestire, LA LINGUA DA PARLARE,
a musica da sentire, e in questa forzata uniformit` non c'era neanche un barlume di libert`: DIVIETO DI CANTARE, DIVIETO DI BALLARE, e nei locali pubblici divieto di pensare, i soli a non piegarsi a questa dittatura un pugno di topi in una fognatura, trasgredivano la legge, attaccavano il sistema sbombolando sui muri il loro emblema All'inizio erano in pochi ma il gruppo cresceva, dal pugno che erano diventarono una schiera di ratti rappatori graffittari in pieno effetto, e i tubi delle fogne erano il loro ghetto Ogni Sabato sera, nella foresta, organizzavano un concerto, una jam, una festa, perchi nel bosco un pifferaio li faceva ballare, avrebbero fatto di tutto per sentirlo suonare Erano ubriachi dalle nove alle sei nato per rappare SEI QUELLO CHE SEI, odiavano la corte, ballavano e bevevano, e il pifferaio magico QUELLO IN CUI CREDEVANO Il re era preoccupato per questa agitazione: temeva l'evolversi in sovversione, lui sapeva che i topi erano a conoscenza della crescita costante della loro potenza Al pifferaio magico io devo parlare, al capo delle guardie disse: VALLO A CATTURARE, cosl alla corte quella sera entrr un tipo strano che teneva un flauto stretto nella mano Sua maest` disse alle guardie potete uscire: nessuno deve udire quello che gli voglio dire Pifferaio magico STAMMI A SENTIRE, io possiedo di tutto e te lo sto per offrire LO SO il talen
Valutazione: 10/10 - 2 voti






Captcha